Diffondere il valore della cultura e della formazione scientifica e far conoscere alla popolazione l’importanza delle professioni di ricerca: questo lo scopo dichiarato della Notte Europea dei Ricercatori, iniziativa promossa dalla Comunità Europea a partire dal 2005 e che nel 2018 coinvolge oltre 300 città europee.

Tra mostre, visite guidate, dimostrazioni dal vivo, performance artistiche, spettacoli e conferenze, il 28 settembre, l’ultimo venerdì del mese, saranno ben 116 le città del nostro Paese che parteciperanno a questa iniziativa proponendo eventi ed attività per avvicinare, in maniera informale e diretta, i cittadini al mondo della ricerca.

Sono 9 i progetti che, in Italia, aderiscono all’iniziativa organizzando gli eventi che la compongono: di questi 9, nella nostra Regione è SOCIETY (How do you spell RESEARCH? SOCIETY – Science, histOry, Culture, musIc, Environment, arT, technologY) che porterà la Notte Europea dei Ricercatori a Cesena, Forlì, Ravenna, Rimini e, naturalmente, Bologna.

Nel capoluogo emiliano-romagnolo gli eventi prenderanno ufficialmente il via alle 18 del 28 settembre, con il Magnifico Rettore dell’Alma Mater che inaugurerà la manifestazione a Palazzo Magnani, in via Zamboni 20. A seguire, in diversi luoghi della città si terranno incontri dedicati a chimica, fisica, astronomia, meteorologia e tanti altri aspetti della conoscenza scientifica. Protagonisti degli eventi, insieme ai ricercatori dei tanti enti partecipanti, saranno i cittadini, che potranno interagire con gli scienziati e prendere parte in prima persona a tanti esperimenti.

SOCIETY, inoltre, punta in particolare al coinvolgimento degli studenti delle scuole del territorio: per fare questo, è stata messa a punto una serie di attività rivolte ai ragazzi e alle ragazze degli istituti locali, spesso protagonisti attivi della realizzazione degli eventi.

L’appuntamento è dunque per il 28 settembre 2018 con il ricco calendario regionale per imparare di più, in modo divertente e leggero, sul mondo della ricerca scientifica e sulla sua importanza per la comunità.

 

Per approfondire: http://www.nottedeiricercatori.it/